Materiale: Cottorico
Dimensione: L.450 cm. P.60 cm. H.450 cm.



Mirta Carroli  con l'opera " Il tempio delle voci " trasforma lo spazio circostante in un luogo di contemplazione mistico-magico-sacrale. La scultura non descrive ma evoca  la memoria di antiche architetture, di miti antichi,  dove le "voci" sono echi, emozioni, speranze dell'umanità; è per questo che nella sua  complessità  concettuale crea connessione tra articolazione spaziale ed evocazione temporale. L'opera è volutamente orientata sull'asse Perugia-Assisi nel rispetto di tutti gli elementi preesistenti del paesaggio; qui le voci diventano memorie, speranze, emozioni dell'intera umanità.
L'artista vuole rappresentare, un flusso di coscienza, un tempo che appartiene all'opera stessa e allo spettatore che  riceve da essa un qualcosa di nuovo.
Una scultura di riflessione dove si denota una armonia poetica, nei ritmi, nelle pause, nelle assonanze e  nei contrasti, come dei versi che si accostano e si accordano tra di loro.
La scultura, realizzata con un materiale sperimentale, il cottorico, si fa architettura  e basandosi sul sistema architravato di antiche applicazioni costruttive esprime  l'essenzialità della forma, la proporzionalità geometrica e i rapporti tra i singoli elementi.
 

AUDIO GUIDA

ascolta l'audio

VIDEO

Guarda il video

PHOTOGALLERY

Guarda la gallery

MAPS

Vai all'opera

Image 1Image 2

audioguida

video

photogallery

maps

scultore